Le stoffe di San Giuliano dal ritrovamento alla valorizzazione

Le stoffe di San Giuliano dal ritrovamento alla valorizzazione - E. Fiori | Ericsfund.org Leggi il libro di Creature di un sol giorno. I greci e il mistero dell'esistenza direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Creature di un sol giorno. I greci e il mistero dell'esistenza in formato PDF, TXT, FB2 sul tuo smartphone. E molto altro ancora su ericsfund.org.

INFORMAZIONE

AUTRICE/AUTORE
E. Fiori
DIMENSIONE
8,20 MB
NOME DEL FILE
Le stoffe di San Giuliano dal ritrovamento alla valorizzazione.pdf
ISBN
7335291972702

DESCRIZIONE

Nel giugno del 1910 l'apertura del sarcofago che contiene le spoglie di San Giuliano nell'omonima chiesa di Rimini rivela un gruppo di tessuti antichi. Tra gli innumerevoli lacerti spiccano per dimensioni e fattura due sciamiti in seta di manifattura bizantina. L'importanza del ritrovamento è immediatamente riconosciuta da Corrado Ricci e Giuseppe Gerola che si adoperano per assicurare ai reperti tessili un'adeguata conservazione. Da qui prende avvio una vicenda destinata a durare oltre un secolo, che porterà i tessuti a far parte del patrimonio dello Stato, ad essere esposti nel giovane Museo Nazionale di Ravenna a partire dal 1921 e a divenire uno dei nuclei di tessili tardoantichi e bizantini più conosciuti dagli specialisti. Questo volume è realizzato a conclusione dell'ultimo intervento di restauro del 2018: la nuova soluzione espositiva che ne è scaturita restituisce al pubblico i due sciamiti in seta dopo oltre vent'anni. I saggi vogliono essere un contributo più ampio alla storia della tutela, del restauro e della conoscenza di questo settore delle Arti meno noto ma assolutamente emblematico.

Giuliana, la balena di Matera fa il giro del mondo Sul fossile rinvenuto 12 anni fa pubblicato un nuovo studio su Biology letters: ridisegna l'evoluzione dei cetacei gonews.it è un prodotto editoriale di XMedia Group S.r.l - Via Edmondo De Amicis, 38, Empoli - [email protected] P.IVA-C.F.: 05096450480 stoffe del IX-X secolo, quali, ad esempio, una a cavaili alati en­ tro ovali legati da borchie del Duomo di T rè­ veri e un'altra ad elefanti entro Il Gerola 14) lo considerò i m­ messo nella tomba di San Giuliano a Ri­ mini in occa­ sione di una ri­ cognizione e lo classificò al X -tondi .tangenti, cioè il Sudario Il progetto di valorizzazione della Porta parte proprio dal concetto di avvicinamento alla storia attraverso un percorso di discesa che attraversa le epoche del tempo e le stratificazioni che caratterizzano il sito, i terrazzamenti previsti nel progetto rappresentano momenti temporali per la sosta e la visione della porta con scorci e angoli diversi man mano che si scende, fino ad arrivare al ... Dopo il primo partenariato, siglato con il Comune di San Polo Matese, patronato da San Nicola, ha aderito all'associazione europea, con la delibera consiliare n. 38 dell'11/12/2017, anche il Comune di San Giuliano del Sannio, che ha in San Nicola il santo protettore, ed è parte, con i comuni di Cercepiccola, Cercemaggiore, Sepino e Mirabello Sannitico, dell'Unione dei Comuni della Valle ... Ritrovamento A partire dal 2008, il complesso ecclesiastico è stato oggetto di un importante restauro architettonico, resosi necessario per consolidare le strutture murarie, il tetto e la pavimentazione interna. Alcuni storici ancora si dibattono circa l'esistenza di un insediamento protoromano, arrivando anche a sostenere la possibilità che fosse esistito un municipium che sarebbe stato distrutto da Silla..

unire alla qualità e serietà scientifiche una struttura dei testi agile e stimolante e produrre lavori che ... La "Sala Ascoli" della Stazione Bacologica di Ascoli, oggi si trova a Padova. Quando nel 1958 la Stazione di Ascoli si fuse con quella di Padova, l'allora direttrice Porzia Lorenza Lombardi, si... Le bibliografie del Museo Nazionale di Ravenna shared a post. "Le stoffe di S.

LIBRI CORRELATI